Normativa Emilia-Romagna

La Regione Emilia-Romagna promuove il risparmio energetico

La Regione Emilia-Romagna ha messo al centro delle sue iniziative il risparmio di energia con una legge che propone novità e incentivi anche nell’ambito residenziale.
Sono previsti infatti iniziative in favore della bioarchitettura, "premi" per chi consuma meno energia in casa, sistemi di riscaldamento ecologici, oltre a regole e standard da introdurre nei regolamenti edilizi comunali od obblighi per gli enti locali di promuovere ad esempio il teleriscaldamento nelle case nuove. Obiettivo è arrivare entro il 2010 al rispetto del protocollo di Kyoto per quanto riguarda le emissioni di gas.
Nel secondo paragrafo della notizia si trovano l´elenco delle iniziative della Regione per risparmiare energia: dalle campagne di informazione, ad un sistema di accreditamento per qualificare gli operatori artigiani, ai nuovi bandi per promuovere l´adozione di "tecnologie pulite" che usciranno nei primi mesi del 2005.
Nel terzo paragrafo si presentano gli obiettivi di risparmio del Piano energetico regionale e i consumi di energia in Emilia-Romagna.

(21 gennaio 2005) - Incentivi a favore della bioarchitettura, sottotetti che potranno essere recuperati a fini abitativi senza ulteriori oneri, purché adeguatamente coibentati, contatori singoli obbligatori negli impianti di riscaldamento centralizzati per "premiare" chi nella propria abitazione riesce a consumare di meno, pannelli solari o altri sistemi di riscaldamento "ecologici" obbligatori in tutte le nuove abitazioni superiori ai mille metri quadrati.
E ancora: nuovi, rigorosi, standard di prestazione di rendimento energetico che dovranno essere recepiti dai regolamenti edilizi comunali, certificazione energetica di tutti gli edifici pubblici, obbligo per Comuni e Province di prevedere per i nuovi insediamenti abitativi, accanto alle tradizionali opere di urbanizzazione le nuove "reti energetiche" per il teleriscaldamento e la cogenerazione.
Sono tante le novità pronte a partire in Emilia-Romagna per promuovere il risparmio energetico in campo residenziale, previste dalla nuova legge regionale sull'energia con la quale la Regione fa una precisa scelta di campo e pone al centro della propria politica energetica i temi del risparmio, della valorizzazione delle fonti rinnovabili e del rispetto dell'ambiente. In particolare fissando al 2010 il raggiungimento di un importante obiettivo: il rispetto del Protocollo di Kyoto, per quanto riguarda la riduzione delle emissioni nell'atmosfera di gas che alterano il clima.
Il tema è stato al centro del convegno "Sostenibilità nelle politiche urbanistiche ed abitative e prestazioni energetiche degli edifici", che si è tenuto a Bologna per iniziativa della stessa Regione e dell'Enea, con l'obiettivo, tra gli altri, di mettere a confronto le esperienze in corso in Emilia-Romagna e in Europa.
Le iniziative della Regione per risparmiare energia
Per promuovere un uso più razionale dell’energia nelle città e nelle abitazioni la Regione attribuisce un ruolo centrale anche alle iniziative di tipo informativo e formativo. Sono nate così, già negli anni passati, la campagna "Caldaie sicure" che ha interessato tutto il territorio emiliano-romagnolo, mentre sono attualmente in corso le prime esperienze, sul modello anglosassone, di "clearing house", luoghi di incontro e confronto tra cittadini ed esperti sui temi dell’energia pulita e del risparmio.
Tra le altre iniziative si sta studiando un sistema di accreditamento per qualificare gli operatori artigiani che svolgono l´attività di installazione e di manutenzione degli impianti e dei sistemi edilizi, assistiti da contributo regionale. Con le associazioni di categoria si vuole, poi arrivare a creare una nuova figura di "imprenditori per l´uso razionale dell’energia" in grado di fornire al cliente un servizio completo "chiavi in mano", suggerendo le soluzioni più convenienti dal punto di vista ambientale e delle "bolletta energetica" delle famiglie.
Inoltre, nei primi mesi dell´anno, usciranno i bandi regionali per promuovere l´adozione di "tecnologie pulite" in campo energetico.
Il primo a partire sarà quello per il nuovo programma fotovoltaico, per l´installazione di pannelli solari, in particolare negli edifici pubblici. A disposizione ci sono 1,2 milioni di euro. E´ previsto anche un bando per il solare termico con 2,5 milioni di euro, mentre ammontano a 2 milioni le risorse disponibili per finanziare nelle aree montane progetti per la produzione di calore attraverso biomasse e per la cogenerazione e il teleriscaldamento nelle città.
Complessivamente, considerando i settori civile, industriale e agricolo, nel periodo 1985-2005 la Regione ha speso per promuovere un uso più razionale dell’energia 92 milioni di euro, mettendo in moto investimenti per 370 milioni di euro. Il risparmio energetico può essere valutato pari a circa 715 mila tonnellate di petrolio equivalenti. In particolare al settore civile (terziario più residenziale) sono andati a tutt’oggi contributi regionali per 38 milioni di euro per un investimento di 170 milioni di euro.

Gli obiettivi di risparmio del Piano energetico regionale
Attualmente in Emilia-Romagna si consumano ogni anno 12,5 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (tep).
L´Industria è il settore che consuma più energia con 4 milioni 222 mila tep, seguito dal settore civile (residenziale più terziario) con 4 milioni 570 mila tep e dai trasporti con 3 milioni 653 mila tep. Il settore meno dispendioso è l´agricoltura con 427 mila tonnellate.
Il Piano energetico regionale fissa precisi obiettivi di risparmio energetico, nei diversi settori.
Complessivamente l´obiettivo è raggiungere al 2010 un risparmio energetico pari a 1 milione 700 mila tonnellate di petrolio equivalenti, corrispondente a una riduzione delle emissioni di Co2 di 5 milioni 600 mila tonnellate all’anno.
Considerando i diversi settori, il risparmio è così ripartito: 550 mila tep in campo civile, 400 mila nell’industria, 680 mila nei trasporti, 50 mila in agricoltura.
L´investimento complessivo previsto ammonta a 5 mila 540 milioni di euro. Per il settore residenziale, che attualmente in Emilia-Romagna consuma 2 milioni 700 mila tep l’anno, Il Piano prevede un risparmio pari a 330 mila tep al 2010. Tale obiettivo, se raggiunto permetterà di ridurre le emissioni in atmosfera di Co2 di circa 700 mila tonnellate.
Per quanto riguarda lo sviluppo delle fonti rinnovabili, gli obiettivi del Piano sempre al 2010 sono i seguenti: eolico 15-20 megawatt, geotermia 9-12 megawat, fotovoltaico 8 megawatt, solare-termico 30 mila metri quadrati, idroelettrico 10-15 megawatt, biomasse 350 megawatt.